Lionello Venturi e un invito alla “Casa italiana” della Columbia University