Facendo saltare le parole. Sulle ‘scritture vocali’ di Gabriella Bartolomei