Infinitismo leopardiano e autorità etnografica: rileggendo "Cristo si è fermato a Eboli"