Moralismo e «disegnar giusto» nei Precetti di Ugo Bernasconi