Cézanne, Fattori e il collezionismo fiorentino del primo Novecento. Il caso Sforni