«Col maggior senno e garbo possibile»: Edoardo Perino e il ruolo delle illustrazioni