“Arte veramente rara, stupenda e miracolosa”: i Quattro Libri di Andrea Palladio e il contesto editoriale-figurativo