Niebuhr, Jacoby e l'identità di Cratero il Macedone