«O che belle figurette»: la struttura del dialogo e la funzione delle immagini nei Marmi