Tauromachie non latenti. A proposito del più grande poeta sonoro italiano