All'interno dell'ampia produzione letteraria dedicata al Sacco di Roma del 1527 non è raro verificare la presenza di opere che ritraggono la devastazione della Città Santa secondo una prospettiva ironica, satirica, carnevalesca, in virtù della quale il resoconto degli avvenimenti, come un abito sdrucito, ride dalle crepe e mostra dell'accaduto scorsi e dettagli sconvenienti. Prendendo in esame tali opere, questo volume indaga il contraddittorio rapporto che la tragicità dell'evento intrattiene con modelli e topoi della tradizione comica.

Scherzar coi santi. Prospettive comiche sul Sacco di Roma

CATELLI, NICOLA
2008

Abstract

All'interno dell'ampia produzione letteraria dedicata al Sacco di Roma del 1527 non è raro verificare la presenza di opere che ritraggono la devastazione della Città Santa secondo una prospettiva ironica, satirica, carnevalesca, in virtù della quale il resoconto degli avvenimenti, come un abito sdrucito, ride dalle crepe e mostra dell'accaduto scorsi e dettagli sconvenienti. Prendendo in esame tali opere, questo volume indaga il contraddittorio rapporto che la tragicità dell'evento intrattiene con modelli e topoi della tradizione comica.
Uni.Nova
8863190755
Roma; Sacco di Roma; Pietro Aretino; Letteratura del XVI sec.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Catelli_Scherzar_coi_santi_Volume.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Accepted version (post-print)
Licenza: Non pubblico
Dimensione 16.23 MB
Formato Adobe PDF
16.23 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11384/14008
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact