«Ogni Giocatore è un Simbolo heroico». Riprese secentesche di Ariosto tra giochi e metafore