La parola dislocata. Profezia come presenza del futuro