Sofocle, Niobe. Testo critico, traduzione e commento