Gli “Asolani” e il fascino del ritratto