Il Diamante, L’Heroe e Il Cilindro di Emanuele Tesauro: «imprese laudative» e panegirici