Il “libro figurato” del Seicento: due esempi (Tesauro e Jacopone)