“Rendere visibile il sapere”: l’Accademia Veneziana fra modernità e utopia