Il volume analizza i decenni che trascorsero dalla fine della dinastia medicea all’arrivo di Ferdinando III, anni che segnarono per la Galleria degli Uffizi, un percorso assai complesso di avvenimenti e strategie durante il quale varie forze politiche ed intellettuali riuscirono a creare un sistema istituzionale di tutela valido ancora oggi. Collezioni, nuovi allestimenti, regolamenti per il personale del museo mediceo-lorenese che si trovava ad affrontare il gran-tour con il crescente flusso di visitatori giunti da ogni parte d’Europa, furono gli ambiti ed i temi affrontati dai direttori che contraddistinsero con le loro personalità varie stagioni e un comune destino per uno dei musei più importanti dell’età moderna.

La Galleria ‘rinnovata e accresciuta’: gli Uffizi nella prima epoca lorenese

FILETI, Miriam;
2008

Abstract

Il volume analizza i decenni che trascorsero dalla fine della dinastia medicea all’arrivo di Ferdinando III, anni che segnarono per la Galleria degli Uffizi, un percorso assai complesso di avvenimenti e strategie durante il quale varie forze politiche ed intellettuali riuscirono a creare un sistema istituzionale di tutela valido ancora oggi. Collezioni, nuovi allestimenti, regolamenti per il personale del museo mediceo-lorenese che si trovava ad affrontare il gran-tour con il crescente flusso di visitatori giunti da ogni parte d’Europa, furono gli ambiti ed i temi affrontati dai direttori che contraddistinsero con le loro personalità varie stagioni e un comune destino per uno dei musei più importanti dell’età moderna.
Centro Di
9788870384703
Pietro Leopoldo; Museografia; Collezioni mediceo-lorenesi
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11384/4538
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact