‘Tua, Caesar, aetas’: un personaggio, un’epoca, un mito. Riflessioni preliminari (con M.Labate)