Due. La macchina della teologia politica e il posto del pensiero