I 'tria corda' di Stazio, poeta greco, romano e napoletano