Elogio dell’adeguata imperfezione. Sulla scelta della lingua comune per l’Europa federata