Un aedo in posa. Stazio e la coscienza di un poeta professionista