Esistenza e verità: Giordano Bruno e il «vincolo» di Cupido