Tra Petrarca e Sebastian Brant. Il “De remediis” e le immagini della memoria