A partire dall'inventario in morte, rintracciato all'Archivio di Stato di Roma e prima inedito, di Giovanni Martino Hamerani, il saggio ripercorre puntualmente attenzioni collezionistiche e dinamiche di bottega di quello che è stato il più insigne protagonista dell'arte della medaglia in Italia nel tardo Seicento, mettendo in luce non solo la sua autonomia progettuale e le diverse fasi dell'articolato processo artistico sotteso alla realizzazione delle sue medaglie, ma anche più in generale metodi didattici, istituzioni artistiche e interrelazioni fra pittura, scultura e architettura nella Roma tardo-barocca.

Giovanni Martino Hamerani: artista e collezionista

SIMONATO, Lucia
2014

Abstract

A partire dall'inventario in morte, rintracciato all'Archivio di Stato di Roma e prima inedito, di Giovanni Martino Hamerani, il saggio ripercorre puntualmente attenzioni collezionistiche e dinamiche di bottega di quello che è stato il più insigne protagonista dell'arte della medaglia in Italia nel tardo Seicento, mettendo in luce non solo la sua autonomia progettuale e le diverse fasi dell'articolato processo artistico sotteso alla realizzazione delle sue medaglie, ma anche più in generale metodi didattici, istituzioni artistiche e interrelazioni fra pittura, scultura e architettura nella Roma tardo-barocca.
Le arti a dialogo. Medaglie e medaglisti tra Quattro e Settecento
Le arti a dialogo. Medaglie e medaglisti tra Quattro e Settecento
medaglie, scultura, serialità, arte d'età moderna, sistema delle arti, tecniche artistiche
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11384/57543
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact