Roma come Beatrice. Note sul proemio del terzo libro delle "Prose" del Bembo