Jacob Burckhardt: le stanchezza della modernità