Fotografare (e pubblicare) le sculture: un antefatto anni Trenta-Quaranta per Marino e Manzù