Bulgaria, Slovacchia, Ungheria: populismo «soft» e astensionismo