Lo scrittoio di un ‘acerbista’ fiorentino del Quattrocento: ser Piero di ser Bonaccorso Bonaccorsi