«Quello che amo di più è un libro aperto alla pagina sbagliata»: Magdalo Mussio tra grafica e scrittura