Repertori di parole e immagini. Esperienze cinquecentesche e moderni “data bases”