La sillabazione dei nessi /sC/ in italiano: un'eccezione alla tendenza "universale"?