Giovanni Paolo II. Una transizione incompiuta?