‘Crudelitas versa in voluptatem’: piacere del male e potere nella letteratura latina