Il canto della spola e l’usignolo: una metafora di Sofocle e la sua fortuna