Tra concordia e tolleranza: l’«aurore sanglante» della libertà di coscienza e la politica di Michel de L’Hospital