Federico Barocci e le iscrizioni nelle immagini sacre monumentali