A proposito di tre nuovi manoscritti della «Servitude volontaire»