Hannah Arendt e il comunismo: considerazioni su una critica anomala