Biondi, Casoni e il Dio sconosciuto