Il «ficcare li occhi» nella Commedia: giochi di sguardi e di memoria