«Quo nemo insolentius». La ‘superbia’ di Parrasio e l'autoaffermazione dell'artista nella Grecia classica