Il papiro di Servio Tullio (P. Oxy. 2088): una nuova interpretazione