Il Laurenziano 68, 2 (F) e il finale delle Metamorfosi di Apuleio