Qualche appunto su Federico Borromeo e la cultura fra Cinque e Seicento