Un caso di filologia pre-lachmanniana?