Sulla variante Laviniaque / Lavinaque nel secondo verso dell’Eneide, e su una testimonianza trascurata di tradizione indiretta